. . . All you life, you were only waiting for this moment to be Free . . . * Nulla enim culpa est in somnis.

venerdì 26 luglio 2013

Bologna

Bologna è mille facce di un'unica moneta.  
Bologna ti stupisce, diversa dietro ogni angolo. 
A Bologna i negozi aprono verso le 10 e chiudono verso le venti; le pizzerie invece vanno avanti fino all'una di notte ed anche oltre.
A Bologna il lusso è invisibile: se vuoi una boutique o una griffe, devi cercarla. A Bologna stava il grande Lucio Dalla, ma Bologna bisogna viverla, o non si capirà mai perché l'amasse tanto.

Casa di Lucio Dalla in Via D'Azeglio
I Bolognesi, doc e non, sono un misto di studenti e persone eleganti. Non di rado capita di incontrare per strada un ragazzo vestito interamente di pelle a luglio, dietro ad una ragazza coi pantaloni larghi e la collana enorme, dietro ad una signora coi tacchi a spillo Via Maestra e il vestito di Armani, dietro ad un signore che dipinge per strada per tre euro ad opera.
Bologna è Via Indipendenza il venerdì mattina alle otto, tornando dal mercato di piazza Otto Agosto, con l'odore di caffè che esce dai bar, con i negozi ancora chiusi, con le insegne scintillanti carezzate dai primi raggi di sole, con le 
Uno dei murales
saracinesche dei 
negozi, decorate da abili disegnatori con splendidi murales, ancora abbassate, Bologna è quella sensazione che provi alla vista di quelle opere d'arte, quando ti dici "per fortuna era chiuso, altrimenti non l'avrei vista!"
Bologna è alzare lo sguardo, e trovare un semplice blocco di marmo dettato da Carducci in persona, oppure una statua della Vittoria sopra al negozio di moda, o anche la scultura dedicata a Galvani in una piazzola seminascosta.
Bologna è PizzAltero, PizzAmore e tante altre pizzerie, che t'accolgono come fossi un'amica d'infanzia.

Bologna è Piazza Maggiore e Piazza del Nettuno, è la Basilica di 
Me, il gelato... E Via Indipendenza
San Petronio e quella di Santo Stefano. Bologna è la meravigliosa 'chiesa metropolitana' di San Pietro: da fuori, semplicemente tre pannelli di legno tra Via Indipendenza e Piazza del Nettuno, dentro fregi e affreschi degni di Michelangelo.
Bologna è Via Farini girando da Via D'Azeglio: elegante, piena di negozi di valore ma nemmeno più di tanto chic, fino a che non ti trovi davanti Louis Vuitton e Gucci uno accanto all'altro ed in mezzo le porte del paradiso, la 
Galleria Cavour
Galleria Cavour, con Prada, Bulgari, Tiffany & Co. Bologna sono Hermès e Giorgio Armani, 
staccati dagli altri brands, chissà se per distinguersi o per perché nella Galleria non c'era più posto. Bologna è il campanello di Louis Vuitton, o 
lo suoni o non puoi entrare. Ma almeno c'è scritto in tre lingue diverse.
Bologna è Guess ed Eataly tra le pescherie, i fruttivendoli e le vecchie insegne dei negozi. Bologna è Scout davanti al mercato. 
Piazza Maggiore
Bologna è via Zamboni piena d'università.
Bologna è la Coca Cola a quattro euro in Piazza Maggiore, ma anche il caffé a 80 cents vicino a Via Volturno.
Bologna è la Torre degli Asinelli, sette camicie per arrivare in cima, rischiando la pelle sui gradini di legno e ferro mezzi consumati, ma che vista!
Bologna è il signor Osvaldo che t'accoglie quanto arrivi in cima alla Terrazza Panoramica della Basilica di San Petronio. Bologna è la stazione centrale sempre piena e caotica. Bologna è la campagna che t'accoglie verso Budrio.
Vista dalla Torre degli Asinelli
Bologna è questo, e molto altro.
O forse questa è solo la mia Bologna.

Ivy

P.S: Grazie per le quasi 4mila visualizzazioni, per me è questa la vera vittoria!

4 commenti:

  1. EMOZIONANTE!!! In questo momento sarei voluto essere bolognese ed essere fiero di esserlo! Leggendo, ho percorso quelle strade insieme a te... Ancora una volta, BRAVA!!!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. che bello :) mi piace sempre leggere qualcosa sulle città... ho scritto anche io qualche cosa su Edimburgo, ma l'ho fatto in un modo un po' diverso, se ti va di passare a leggere ne sarei contenta!

    comunque Bologna è una della poche città italiane che non ho mai visto per bene, e mi hai proprio fatto venire voglia di andarci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passerò sicuramente ^_^ Eh, si, Bologna è magica... Non vedo l'ora di tornarci!
      Grazie delle belle parole, torna quando vuoi!!!

      Elimina

Finalmente hai deciso di commentare! Sarò felice di risponderti al più presto.